Caos

Ci sono giornate in cui sembra che niente abbia un senso. Senza pensare a filosofia, esistenzialismo, conflitti interiori e fede religiosa: è semplicissimo, basta uscire una mattina per andare al mercato, e la definitiva e irrimediabile verità ti si presenterà davanti agli occhi strillando: “Guardami, sono qua! Esisto! Il mondo è un tumulto e tu non puoi prevedere nulla di quello che ti succederà!”. E fu così che al mercato feci l’esperienza del caos.

Mentre camminavo, o meglio, mentre placcavo vecchiette indemoniate e passeggini esageratamente accessoriati, un tizio stempiato in maglietta arancione e occhiali da sole da sciatore in congedo di avvicina e mi chiede: “Are you American?”. Tutta impegnata a evitare l’attacco dell’ennesimo venditore di verdura che cerca di dare via per pochi euro banane palesemente troppo mature, ci metto qualche secondo a capire che si sta rivolgendo proprio a me. Quando me ne accorgo, gli rispondo che sono italiana e lascio cadere il discorso, allontanandomi. Il tizio, però, non demorde, e tira fuori una battuta da vero maestro di seduzione: “No, perché, sai, sei talmente bella che mi sembravi americana”, accompagnando tutto ciò con una genuina espressione da ebete. La sua affermazione implicava due cose: numero uno, le donne americane sono più belle di quelle italiane; numero due, quell’individuo aveva un repertorio umoristico piuttosto ristretto e anche male assortito. Un po’ divertita e un po’ seccata, gli mostro un sorriso stiracchiato e mi giro dall’altra parte. Ma, sempre più intraprendente, il novello Casanova continua raccontandomi che potrei fare la ballerina di lap dance, per quanto sono bella (olè), e che lui una volta era andato in un locale per vedere queste signorine che ballavano, ma che era stato costretto dai suoi amici e non si era divertito molto. Il tutto aveva ben poco senso, e stavo anche cominciando a spaventarmi: non riuscivo a seminarlo in nessun modo. La salvezza è poi arrivata nella provvidenziale figura della mia migliore amica, che, vedendomi in difficoltà, si è catapultata a sottrarmi dalle grinfie di quel poderoso rubacuori. Che tempismo!

Quando pensavo di avere avuto la mia giornaliera dose di stranezze, passando vicino alla fermata dell’autobus, vedo il vecchietto più atletico della storia. Beffandosi delle statistiche, l’aitante sportivo giocava a squash contro il muro e se la cavava piuttosto bene. Vestito con pantaloncini da corsa di un brillantissimo blu elettrico, canottiera e cappellino, catturava l’attenzione di tutti i passanti, che lo guardavano con sguardi ammirati e divertiti. Non è cosa da tutti i giorni vedere un settantenne in mezzo alla strada maneggiare con così tanta maestria una racchetta. Oh già.

Poi ricevo una telefonata: numero sconosciuto. Rispondo, e questo è ciò che mi viene chiesto: “Signorina, desidera acquistare un riccio?”. In quel momento sono inciampata sul marciapiede, sono caduta sulle ginocchia facendo rotolare la spesa da tutte le parti e ho risposto al mio interlocutore, gridando: “Eeeeh?”. Il tizio mi spiega che sta cercando di vendere dei ricci che si è ritrovato nel giardino e che ha trovato il mio numero in un annuncio di ripetizioni (annuncio che avevo messo su internet, dove mi offrivo di dare ripetizioni di latino e greco). Tra il dolore per la caduta e l’assoluta incredulità per la domanda che mi era stata fatta, reagii con inevitabile nervosismo: “Lei è un cretino. Io insegno latino e greco, non compro ricci. Grazie e arrivederci”.  Ho buttato giù il telefono e ho rivolto gli occhi al cielo, esterrefatta.

Questa è stata la mia parziale esperienza del caos.

F.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

2 thoughts on “Caos

  1. Federica Loreti ha detto:

    è il caso di dirlo.. tutte a te! 😛
    p.s. giuro su chi vuoi che non sono stata io a telefonarti per porti una domanda che è decisamente del mio genere ahahahah

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: